Il corpo comunica il suo malessere. Vediamo come

brufoloPrecedentemente abbiamo trattato argomenti riguardanti rughe, segni di invecchiamento, cedimenti cutanei, tutti molti importanti e da non sottovalutare assolutamente, infatti il mio insistere, prima di tutto consiste nell’accettare tutto quello che avviene in tema di cambiamento cutaneo appunto, ma subito dopo, anzi più precisamente insieme all’accettazione passare all’azione.
Fondamentale l’approccio con la ginnastica facciale anche se non è ancora così comune tra le nostre amiche o presso i centri estetici/sportivi che frequentiamo, serve uno sforzo, lo so, però è estremamente vantaggioso poterla fare da casa o in ufficio, nella pausa, per esempio, seguendo i nostri video FaceFit.

Instaura le buone abitudini

Questo mio insistere, riguardo all’azione, si riferisce proprio all’abituarsi all’esercizio muscolare al viso quotidiano proprio come il gesto di lavarsi i denti che ripetiamo ogni giorno, farlo diventare un’ automatismo, questo può avvenire da statistica, dopo il ventunesimo giorno che ripetiamo quotidianamente un gesto, quindi non è tanto lo sforzo che vi chiedo di fare, sempre senza dimenticarci che il risultato sono 10 anni in meno sul nostro volto!

Quando meno te lo aspetti, arriva lui

Ma non volevo parlarvi solo di questo, mi ricollego all’inizio di questo articolo dove citavo inestetismi e ne aggiungo un altro. Vediamo se indovinate?! Cosa ci dà più fastidio se abbiamo compiuto 40 anni, ma anche 48 o 36, dobbiamo andare in ufficio dove le luci sono al neon, oppure abbiamo una cena con amiche che non vediamo da un po’, o la cena a lume di candela dove avremo di fronte per un bel due ore con tanto di sguardo fisso un figo – spero per voi -e potrei fare altri esempi ma mi fermo qui. COSA PUÒ ESSERE? Cosa appare in quel momento sul nostro viso?  Ma è ovvio! IL BRUFOLO!!!! chiamato così volgarmente.

Diverse tipologie

Ora, dopo una breve spiegazione semi-tecnica della differenza tra ponfo, papula, e pustola, vi chiarirò quali sono i motivi per cui fuoriescono in un’età dove il fattore ormone dello sviluppo c’entra poco e a secondo della posizione del viso, dove si trovano, quali sono i rimedi da adottare.
Il ponfo non e’ altro che una protuberanza non molto estesa arrossata, ma che, come viene poi se ne va, abbastanza ingenuo come inestetismo. La papula, invece, incomincia ad essere più dolente rispetto al ponfo non più tanto ingenuo perché al suo interno matura una sorta di materiale organico, che incominciamo a torturare perché lo sentiamo sotto le dita….e poi eccolo spuntare di conseguenza il cosiddetto brufolo ma più correttamente pustola cioè una papula che si è infettata e ha generato quel bel puntino giallo, scusatemi per la cruda descrizione, che sarà destinato ad abitare il nostro viso per tre/quattro giorni. Se siamo bravissime smettiamo di torturarlo e ci prendiamo cura di esso, lo disinfettiamo ecc. se lo siamo un po’ meno, più si fa vedere più lo facciamo diventare grande, creando un esito cicatriziale, che per un po’ ce lo farà ricordare.

Detto questo ora vediamo perché spuntano e di cosa abbiamo bisogno, quindi qual è il messaggio che il nostro corpo vuole darci attraverso il brufolo:

  • parte alta della fronte SISTEMA DIGESTIVO consiglio di consumare più frutta e più verdura
  • zona tra gli occhi FEGATO consiglio consumare meno alcool e cibi grassi
  • parte alte delle guance POLMONI evitare il fumo e luoghi inquinati
  • in centro al mento INTESTINO TENUE e STOMACO, vi consiglio di assumere più fibre
  • parte laterale del mento quindi zona mandibolare ORGANI GENITALI, problematiche ormonali e stress
  • orecchie RENI assumere più acqua meno caffè e meno sale.

Ecco qualche indicazione in più ora l abbiamo, accettiamolo se compare, ma come ho scritto all’inizio AGIAMO anche in questo senso, non trascuriamo i messaggi che il corpo ci manda e oltre alla ginnastica al viso e al corpo un’ attenzione speciale all alimentazione e alle nostre buone e meno buone abitudini

Rispondi